Aubergine tonné


IMG_0822

Pare sia finalmente arrivata la primavera, anzi … l’estate!  Mi è venuta voglia di preparare un piatto molto molto estivo, forse per il desiderio di avvicinare e consolidare la bella stagione anche con il gusto.

Tutti conoscono il vitel tonné, questa è la versione vegetariana, buonissima e veramente light.

Ingredienti, per 4 persone (più o meno):

  • 2 melanzane lunghe
  • 200 gr. ricotta (o 1 formaggino Philadelphia)
  • 1 scatoletta da 80 gr. tonno sgocciolato
  • 1 cucchiaino di capperi
  • 10 olive verdi
  • Qualche foglia di menta
  • Qualche foglia di basilico

Preparazione: 30 minuti per grigliare le melanzane +10 minuti per frullare + 10 minuti per assemblare

Eh sì, qui il lavoro più lungo e noioso è proprio quello di affettare le melanzane (e ci vuole un po’ di attenzione, servono fette regolari) grigliarle in padella o nel forno, operazione particolarmente poco simpatica quando fa caldo. Io preferisco grigliarle in padella, e ne scelgo una che si scaldi bene, per fare più in fretta.  Man mano che sono pronte, stendetele più possibile in piano , perché devono raffreddarsi. Se manca lo spazio e dovete sovrapporle, separate le fette con un foglio di carta da cucina, che assorbe l’umidità.

Dimenticavo di dire che a me piace il sapore amarognolo della melanzana, quindi non ho l’abitudine di metterle sotto sale per “far dare via l’acqua”, come si dice,  ma naturalmente non è vietato, basterà solo tenere presente questo tempo supplementare.

Mettete nel mixer gli altri ingredienti: tonno, ricotta, capperi, olive, erbe aromatiche, e frullate per ottenere una bella crema omogenea. Non ho dimenticato il sale, perché tra tonno, olive e capperi, ce n’è già a sufficienza.

Ora tornate alle fette di melanzana, scartate quelle meno belle e regolari (che si possono congelare oppure gustare in un altro momento, condite con un po’ d’olio, sale e origano), e spalmate sulle fette rotonde un cucchiaio di crema al tonno. Anzi, non spalmatela, mettetela solo nel mezzo, poi chiudete le fette a metà, di modo che la crema resti nascosta all’interno, e appoggiatele su un piatto piano.

Al momento del consumo, il ripieno sarà quasi una sorpresa che si rivelerà tagliando la fettina di melanzana.

Quando si mangia? E’ un appetitoso antipasto oppure un secondo, dipende dalla quantità. Per la presenza della ricotta o del formaggio fresco, meglio consumarlo in un paio di giorni.

Strategie: Le melanzane si possono grigliare in anticipo, anche il giorno prima.

Variazioni sul tema: Alla ricotta di latte vaccino potete sostituire, con ottimi risultati, della ricotta di capra, che va bene anche per chi è intollerante al lattosio, e non contiene colesterolo.

Piccola nota di cronaca: Se pensate di andare in Francia, ma non sapete una parola di francese, e credete di cavarvela almeno dal punto di vista alimentare ordinando del vitel tonné, sappiate che: in francese vitel tonné non vuol dire niente, non sanno nemmeno cosa sia e, come estremo avvilimento, loro che accentano tutto (Carlà, vualà), pronunciano “vitel tònne” …

Vino: Castel del Monte rosato

Il fiore della melanzana

melanzana fiore

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...