Tarte tatin di pomodori


tarte tatin di pomodori

Sì, lo so, la tarte tatin di pomodori è appena comparsa sulla copertina della più illustre testata italiana dedicata alla cucina. Ma che volete, ormai l’ho cucinata, è anche venuta molto bene, quindi ecco la mia ricetta, con preghiera di non fare confronti.

Per una torta di circa 25 cm di diametro (dimensioni della teglia) occorrono:

  • 8-10 pomodori perini o ramati
  • Una manciata di olive nere denocciolate
  • Un cucchiaino colmo di capperi
  • 100 gr. di farina bianca
  • 6 cucchiai d’olio evo circa
  • Acqua, ghiaccio
  • Sale

Tempi di preparazione: non più di 15 minuti + il tempo di fare riposare la pasta (alcune ore)

Tempo di cottura: 30 minuti

Spesso ci si lascia prendere dalla pigrizia e, davanti alla ricetta di una torta salata, si tende a usare una sfoglia confezionata. Sono d’accordo che è sempre utile averne una in frigo per un’emergenza, basta non fare troppo caso agli ingredienti, che non sembrano mai troppo …casalinghi. Sicuramente non fanno male, soprattutto se non se ne abusa, ma io penso sia meglio organizzarsi un po’ e fare le cose da noi, con ingredienti che conosciamo bene. Tra l’altro il risparmio in termini di denaro è piuttosto sensibile.

La pasta che ho preparato per questa torta è leggerissima, croccante e friabile, grazie a due piccoli segreti: il ghiaccio e il riposo.

Quindi per prima cosa si fa la pasta: in una ciotola preparate dell’acqua e aggiungete alcuni cubetti di ghiaccio, così che diventi ben gelata. Impastate (a mano o a macchina) la farina con un pizzico di sale, un cucchiaio d’olio e tanta acqua quanta ne serve per formare una pasta morbida ma asciutta (non deve attaccarsi alle dita). Appena è tutto ben amalgamato e la pasta appare perfettamente liscia, mettetela tra due piatti infarinati (per evitare che si attacchi) e lasciatela riposare per almeno quattro o cinque ore.

Passato questo tempo, prima di tutto accendete il forno a 200° (forno statico). Preparate il ripieno: lavate i pomodori e, con il coltello di ceramica, spellateli (farete prestissimo, senza bisogno di tuffarli nell’acqua bollente e scottarvi le dita), quindi tagliateli a metà per il lungo e spremeteli un po’ per eliminare parte dell’acqua e dei semi. Ungete una teglia rotonda e adagiatevi i mezzi pomodori, con la parte tagliata rivolta verso l’alto, salate leggermente, versate sui pomodori un filino d’olio, disponete capperi e olive. Riprendete la pasta. Infarinate una madia o un ripiano liscio e stendete la pasta molto sottile, aiutandovi prima con il mattarello, poi con le mani. Vedrete che il riposo l’avrà resa molto elastica e, anche se sottile, non si romperà. Adagiate la sfoglia sui pomodori rimboccandola bene intorno, aggiungete ancora un pochino d’olio sulla sfoglia e passate in forno per mezz’ora, o finchè non la vedrete ben biscottata.

Sfornatela e lasciatela raffreddare un pochino, perché va mangiata calda, non bollente.

Grazie all’acqua gelata e al riposo la pasta è croccante come una sfoglia, leggera, digeribile, e quasi del tutto priva di grassi.

Variazioni sul tema: In attesa di provare a farla con altre verdure, potete fare delle piccole modifiche a questa ricetta, per esempio l’aggiunta di qualche foglia di basilico rende il sapore più fresco. Se amate gusti un po’ più “forti” potete pulire i pomodori, tagliarli e lasciarli un po’ di tempo tempo a riposare con qualche spicchio d’aglio schiacciato, che infine andrà tolto.

Vino: Arneis

Melone e pomodori di Pierre Auguste Renoir

pomodori renoir

Annunci

2 thoughts on “Tarte tatin di pomodori

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...