Torta di cipolle

torta di cipolle

Uno degli aspetti che amo di più, nella cucina ligure, è la capacità di utilizzare le verdure in mille modi, dando loro la dignità di un secondo piatto. Sarà anche grazie al clima che, mite e favorevole praticamente tutto l’anno, assicura una costante varietà  e abbondanza.

Questa torta di cipolle potrebbe lasciare perplessi alcuni, far storcere il naso ad altri. In realtà è una vera prelibatezza, dolce e delicata.

Gli ingredienti per una tortiera di circa 25 cm (e se la tortiera è più piccola, la torta verrà più alta):

  • 1 chilo di cipolle bianche o rosse
  • 1 yogourt bianco intero (ci vorrebbe la prescinsêua, ma già è dura trovarla a Genova, figuriamoci da altre parti)
  • Qualche sorso di latte
  • 30 grammi di funghi porcini secchi
  • 2 uova
  • 1 manciata di parmigiano reggiano grattuggiato
  • 1 noce di burro
  • 2 cucchiai d’olio
  • Sale fino
  • Pasta per torte salate (dose 200 grammi di farina)

Tempo di preparazione: 20 minuti

Tempo di cottura: 1 ora per le cipolle, 30 minuti per la torta

Il segreto per rendere questa torta veramente squisita sta tutto nella cottura delle cipolle, che deve essere lunga, lenta, tranquilla.

Comincio con lo sbucciarle e tagliarle a fettine abbastanza sottili, e man mano le metto in una ciotola con acqua fredda. Per piangere meno possibile durante questo passaggio, le sbuccio tenendole immerse nell’acqua, ed elimino subito gli scarti. Funziona abbastanza.

Quando tutte le cipolle sono affettate, faccio fondere il burro in una padella che le contenga comodamente, le verso e comincio la cottura a fuoco, come dicevo, lento. Faccio molta attenzione che non si brucino, quindi ogni tanto aggiungo un pochino d’acqua. Metto due, tre pizzichi di sale a metà cottura.

Intanto faccio rinvenire i funghi in acqua tiepida, lasciandoli a bagno per una decina di minuti. Passato questo tempo li scolo (ma tengo l’acqua!), li sciacquo bene per eliminare ogni traccia di terra, infine li trito abbastanza grossolanamente.

Con l’aiuto di un colino e di un foglio di carta da cucina filtro l’acqua dei funghi, e uso anche questa per allungare il fondo di cottura delle cipolle.

Quando, dopo un’oretta, le cipolle sono cotte, morbidissime, trasparenti, quasi sciolte, aggiungo i funghi poi, a fuoco spento, lo yogourt (che così raffredda il composto), le uova, il parmigiano ed eventualmente qualche sorso di latte se il composto mi sembra poco cremoso.

Accendo il forno statico a 200 gradi.

Stendo la pasta in uno strato molto sottile e con questa fodero la tortiera, unta con un pochino d’olio. Verso l’impasto e passo in forno per circa 30 minuti, finchè la superficie è dorata e compatta.

Da gustare tiepida, è veramente squisita e può rivelarsi davvero sorprendente quando i vostri ospiti, dopo un primo assaggio timido e diffidente, chiederanno un generoso bis …

Strategie: E’ possibile cuocere le cipolle in anticipo, anche il giorno prima.

Chi è intollerante al lattosio può usare un latte più digeribile o un latte vegetale, così come per lo yogourt.

Marina Abramovich, The Onion

marina abramovich the onion

 

 

Advertisements

12 pensieri su “Torta di cipolle

    1. Grazie! E’ la cucina ligure che, a causa di una terra povera ma ricca di luce di calore, sa trasformare le cose più semplici. E’ molto semplice, e penso che le cipolle si trovino ovunque nel mondo 🙂

      Liked by 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...