Pillola della settimana – Riflessioni


pillole

L’ultima “pillola” dedicata allo spreco alimentare ha ricevuto alcuni commenti molto interessanti, che aprono nuovi scenari da considerare e su cui riflettere.

Libera scrive:

  • Trovo devastante la predisposizione dell’uomo a voler “monetizzare” tutto, calpestando etica, sensibilità e buon senso. Io che ho vissuto l’epoca del “pane e latte” ogni giorno e “del cibo non si butta”, mi trovo a disagio, caratterialmente non sono una che “fa finta di non vedere e sapere” e questo mi rattrista … Sarà ripetitiva ma alla fine della lettura dei tuoi post per questo tema, ribadirò sempre che io il mio lo faccio e così spero che arrivino a farlo tutti: partendo dalla famiglia in primis, dalla scuola e dalle istituzioni che dovrebbero dare il buon esempio. C’è una gran confusione, non si possono tollerare le contraddizioni dell’informazione: prima dicono una cosa, un minuto dopo l’esatto contrario: un’offesa alla nostra intelligenza.

Qui è molto interessante il richiamo alle istituzioni e ai locali pubblici. Sono loro i primi a sprecare, loro che muovono grandi quantità di cibo, e per fortuna ora c’è una legge che li richiama all’ordine, ma deve essere applicata e ci vorrà tempo. Dobbiamo noi stessi sentire la potenza del piccolo gesto quotidiano. Se stiamo per buttare qualcosa che può essere recuperato, dobbiamo vedere con la fantasia le migliaia di persone, nel mondo, che stanno facendo lo stesso gesto, e che invece si fermano, non buttano, ma recuperano quel piccolo avanzo. Ecco il valore del singolo!

Simona commenta:

  • Io considero spreco anche comprare tanti vassoi avvolti nella pellicola, buste e controbuste, sacchetti (ogni formato di pane in un sacchetto a parte), vaschette per ogni 200 g di frutta, scatoline per un pezzetto di formaggio, vassoi preformati per 10 polpette. L’abbiamo capito che volete vendere gli imballaggi!

Io non avevo toccato questo aspetto, che è invece molto importante. Dove e quando possibile, sarebbe meglio acquistare i prodotti sfusi.

Ancora:

  • Sarebbe molto utile riportare nelle scuole due materie che sono orami sparite ma che tornerebbero utilissime ai bambini di oggi e soprattutto ai loro genitori. Mi riferisco alla mitica “Economia domestica” e “educazione civica”.

E’ così, il rispetto per il cibo dovrebbe rientrare tra gli argomenti più importanti da trasmettere ai giovani. Del resto, il mondo li aspetta, e sono loro i primi interessati affinchè sia in mondo accogliente e con risorse adeguate …

Infine:

  • Faccio part degli ultrasessantenni e non posso che appoggiare incondizionatamente il post di Paola. Dal dopo guerra tutto il settore agroalimentare ha bruscamente virato verso il business a qualsiasi condizione, anche quella di peggiorare in modo inaccettabile gli alimenti primari: farina, frutta, carni, verdura…. Tante allergie, intolleranze e, peggio, MALATTIE anche gravi, sono dovute a questa causa. Continuiamo a leggere informazioni distorte o false senza alcuna base scientifica e senza pudore.

La salute ha un peso fondamentale. Tante allergie e intolleranze che oggi sembrano esplodere tra la popolazione sono dovute a ingredienti nascosti nel prodotto principale, a lievitazioni velocissime che non hanno tempo di “digerire” il glutine, ad aggiunte di sostanze poco note, per non parlare della spropositata quantità di zucchero che si assume con le bibite.

 

Annunci

11 pensieri su “Pillola della settimana – Riflessioni

  1. Fior di Sambuco ha detto:

    Proprio oggi, su rai3 (indovina chi viene a cena, mi pare, ero al piano di sopra e sentivo soltanto) hanno parlato delle aggiunte di glutine nella panificazione industriale per la necessità di velocizzare la produzione. Il glutine “sarebbe tossico” se non fosse stemperato con le lunghe lievitazioni ma… non c’è tempo e quindi… 😦

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...