Pillola della settimana – La spesa antispreco


pillole

L’ultima pillola antispreco pubblicata, basata su consigli precisi, ha avuto un buon successo. Abbandono allora per un po’ l’aspetto teorico, e continuo con indicazioni concrete e attuabili da subito, nel quotidiano.

Come già anticipato, quello che scrivo non è solo frutto della mia esperienza, ma deriva da ricerche, corsi, incontri e seminari sull’argomento. Quanto riporto ha quindi una valenza, se non scientifica, comunque condivisa da un ampio numero di persone ben più esperte di me.

E quindi vediamo come organizzare la spesa, in modo da creare meno occasioni di spreco possibile, ma anche con un occhio all’ambiente e uno, ben aperto, alla salute

Partiamo … da casa! La prima, fondamentale regola da rispettare per non sprecare consiste nell’avere frigorifero e dispensa ben puliti e perfettamente ordinati.

Un frigorifero e una dispensa dove ogni alimento ha il suo posto, permettono con un colpo d’occhio di valutare la situazione delle scorte, rendersi conto di eventuali avanzi da recuperare in tempi rapidi, o di acquisti fatti in esubero che, già meno freschi, è bene provvedere a consumare.

1002

 

Di solito, oggi, si fa la spesa una volta alla settimana, al supermercato. Chi abita più vicino alle colture avrà maggiore facilità ad approvvigionarsi dai produttori locali. Ho notato però che, anche in paesi piccoli e agricoli, i supermercati ci sono, e funzionano: è troppo comodo fare la spesa, o la maggior parte della stessa, in un unico posto, con ampia varietà di scelta e l’opportunità di servirsi da soli.

La scadenza settimanale non è obbligatoria, ma ragionevole, in quanto quasi tutti i prodotti freschi si mantengono tali per tutto il periodo.

Prima di fare la lista della spesa, il consiglio è quello di stilare un menu per tutti i pasti della settimana. In questo modo sarà semplice inserire ingredienti già presenti in casa e/o forse in scadenza, tenere conto degli equilibri alimentari per mangiare in modo variato alternando i vari alimenti, e non perdere di vista il budget. La doppia piramide può aiutare.

1005

Fatto il menu, la lista della spesa viene da sola.

Devo dirlo? Non fare la spesa se si ha fame o se si ha fretta. No, questo lo sappiamo già tutti.

1007

Al supermercato, ci si deve dirigere prima di tutto verso i banchi perimetrali. Perché? direte voi. Perché lì ci sono i prodotti freschi, frutta e verdura, carne e pesce, latte e formaggi, uova e pane … insomma tutti i prodotti fondamentali nell’alimentazione. Acquistarli per primi vuol dire assicurarsi di non dimenticarne nessuno, e avere già un’idea di quanto stiamo acquistando. Solo dopo ci si può orientare verso i corridoi interni dove, accanto a prodotti altrettanto utili (pasta, riso, olio, sale ecc … ), ma per i quali già notiamo l’incidenza del marketing, ci sono tutte quelle proposte semplicemente golose, sicuramente meno sane e più costose rispetto al loro valore intrinseco, che stuzzicano la nostra golosità, ci attirano anche se non ne abbiamo veramente bisogno, possono facilmente diventare un esubero e, da lì, uno spreco. Sto parlando di merendine, cibi in scatola, zuppe conservate, sughi pronti, conserve, marmellate, bibite … Pensate solo quanta pubblicità subiamo per questi prodotti.

Per oggi mi fermo qui. Ricordiamoci solo, una volta rientrati a casa, di riporre i cibi freschi dietro a quelli più vecchi, per facilitare il consumo di questi ultimi.

1003

Annunci

45 thoughts on “Pillola della settimana – La spesa antispreco

  1. Mi interessa molto questo argomento! Sapere che hai partecipato a corsi e seminari e che gli esperti concordano con queste cose mi fa piacere. Io mi sono informata molto sul web da autodidatta (diciamo così) e a suo tempo ho affrontato l’argomento anche sul mio blog, concentrandomi soprattutto sulla lista della spesa, che a mio avviso limita gli sprechi oltre a garantire un vero risparmio; ti lascio il link: https://vitaincasa.com/2016/09/12/risparmiare-con-la-lista-della-spesa/ . Se ti va di leggerlo mi fa piacere! Buona giornata!

    Liked by 1 persona

  2. Mi rendo conto leggendoti che in effetti il menu della settimana lo faccio ancorché scritto mentale e che mi aiuta molto a tenere il mio focus su quello che ho deciso di mangiare per la settimana. Altrimenti si finisce di comprare di ogni.
    Sarà noto ma utile ribadirlo come hai fatto: mai fare la spesa quando si è affamati perché si è preda dell’acquisto compulsivo! :S

    Liked by 1 persona

  3. Sai, quando leggo certi consigli sulla spesa (ma non solo), penso sempre che sono consigi utili alle nuove generazioni e improponibili alle vecchie.
    La sicurezza e la stabilità delle vecchie generazioni ha creato una serie di abitudini e di “mancati apprenzimenti” che li rende, in larga misura, non raggiungibili.

    Il paradosso però è che sono i “vecchi” consumatori a far girare la ruota dell’economia, mentrei i “nuovi”, con stipendi e tempi ridotti, l’arte di arrangiarsi e di riciclare, l’abitudine alla rinuncia e al sacrificio la farebbero crollare miseramente.

    Se di botto i “vecchi” seguissero tutti i consigli sulla spesa (per esempio) credo che almeno la metà dei supermercati e delle botteghe chiuderebbe i battenti.

    Liked by 1 persona

    1. Non so cosa tu intenda per vecchie generazioni, io ho 62 anni e mi sento ben pronta e disponibile a dare il mio contributo per contenere il problema dello spreco alimentare. Purtroppo ho anch’io esempi di giovani, anche colti, molto disattenti all’ambiente in generale, cosa che mi lascia davvero stupita visto che il mondo è più loro che mio.

      Liked by 1 persona

      1. Per vecchie generazioni non intendo quelle anagrafiche ma quelle che mettono in atto quotidianamente dei comportamenti ormai non più sostenibili e/o accettabili che si sono prodotti grazie al boom economico: alcuni l’hanno vissuto in prima persona altri l’anno imparato come stile di vita e altri ancora l’hanno raggiunto per pigrizia o per una sorta di ignoranza di ritorno.
        In quest’ottica, come giustamente hai fatto presente, si possono osservare persone anagraficamente giovani o adulte o anziane che sono accomunate dai medesimi comportamenti.

        Fortunatamente non tutti rientrano in questa categoria e ci sono esempi virtuosi e trasversali rispetto alle diverse generazioni. 

        Liked by 1 persona

  4. Questa cosa non ne avevo proprio idea O: fantastico articolo, io per me stessa all’università compravo giusto lo stresso necessario una volta a settimana (il lunedì) e tutto finiva il sabato/domenica… Anche se quel maledetto capitalismo mi fa sempre sognare quel frigo strapieno di prodotti!

    Liked by 1 persona

  5. Tutti mi prendono in giro ma io pulisco il mio frigo ogni due settimane. E’ l’unico modo per ritrovare ingredienti dimenticati e riorganizzare. E vedo che non sono sola a decidere i menu per la settimana in anticipo. Ho trovato una sorella!

    Liked by 2 people

  6. Di solito non compro carne e pesce in supermercato, perché (in Olanda) la qualità si trova solo al pescivendolo/macelleria di fiducia. Compro carne e pesce sempre per ultimo, per lasciarli fuori frigo il meno possibile. Spesso uso un box frigorifero nella macchina. Per carne, ogni ora fuori frigorifero vale forse un giorno di meno fino alla scadenza. Per pesce, scadesse prima della cena del giorno stesso.

    Liked by 1 persona

  7. Bene Paola, letto tutto, compresi i commenti: alcuni mi hanno fatto sorridere che non è male per iniziare la giornata 😀 Tra poco porto Perla dal vet. poverina, è da ieri sera che non beve, non mangia e non deve fare “plin-plin” 😦 Un bacio con schiocco ❤

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...