Taaaag! Conosciamoci meglio


Ogni tanto ci vuole un momento di relax, e ringrazio Massi Tosto per avermi coinvolta

Le regole del Tag sono semplici come sempre:
1. Segnalare il blog che ti ha nominato
2. Rispondere alle sue 10 domande
3. Nominare a tua volta altri 10 blogger
4. Formulare altre nuove 10 domande per i tuoi blogger nominati. Le domande possono essere su VITA PRIVATA, VIAGGI, CINEMA, ESTETICA, MUSICA, SERIE TV, LIBRI e CIBO
5. Informare i tuoi blogger della nomination
6. Taggare il blog che ti ha nominato nelle risposte

Le domande di Massi:
• perdono o rancore ? perdono … o indifferenza
• il tuo Vinile/CD preferito ? “Creuza de ma” di Fabrizio de André
• fai sempre ciò che vuoi o ciò che è giusto ? più spesso ciò che è giusto, purtroppo
• Quale è Il tuo viaggio più bello ? Marocco
• in quale epoca avresti voluto vivere ? Nel futuro
• credi che esistano elfi e fate ? ehm, no …
• il miglior ristorante nel quale hai mangiato ? Osteria Francescana a Modena
• cosa pensi dei tuoi connazionali ? non è carino generalizzare, ma noto tanta ignoranza e poca voglia di superarla
• il libro che porteresti con te ovunque ? Cent’anni di solitudine di Gabriel Garcia Marquéz

Le mie domande
• Meglio un rimorso o un rimpianto?
• Beatles o Rolling Stones?
• Viaggio di scoperta o spiaggia incontaminata?
• Chi porteresti con te nel viaggio dei tuoi sogni? Si accettano personaggi di fantasia
• Capelli rigorosamente naturali, o rigorosamente tinti?
• C’è un film che potresti rivedere mille volte senza stancarti?
• In termini di cibo, qual è la tua stagione preferita?
• Anche io chiedo: qual è il tuo “livre de chevet”?
• Il luogo dove ti senti meglio? Mare, montagna, città, campagna, dentro un museo o dentro una piscina …
• Una settimana senza smartphone: disperazione o libertà?

Niente nominations da parte mia, chi ha voglia di farlo può lanciarsi, altrimenti ci vogliamo bene lo stesso 🙂

Annunci

Il gusto di non sprecare, anche per Kobo


Il libro, pardon, l’e-book è un’opera prima, dovete quindi avere pazienza se sono un po’ monotematica 😉

Sono anche piuttosto emozionata, e piacevolmente stupita, dell’affetto e della stima che tanti amici mi stanno dimostrando

 

Cristiano : La zia Paola ha uscito il libro.  Concreto, utile e diretto: un libro che non se la tira, e va dritto al sodo. Come una genovese in cucina, appunto.

Alice: È giunta l’ora di decidermi a comprare un lettore per eBook. Fosse anche solo per imparare da Paola come non sprecare in cucina. Ne avrei taaaaanto bisogno!

Monica: Brava, simpatica ….   Scrive pure bene.

 

Con piacere confermo che il “tomo” è disponibile per il Kindle, ma questo lo sapete già, e da pochi minuti anche per il Kobo, sempre scontato 😉

Buona lettura a tutti 🙂

 

 

Ieri

Il gusto di non sprecare


Eccolo. Il mio libro. Anzi, no, in verità è un e-book.

Un ricettario? Ma no, è molto di più!

Convinta come sono che “non sprecare”, non solo è bello, ma anche molto utile e ormai addirittura indispensabile, ho voluto mettere in ordine gli aspetti della mia esperienza, creando un metodo di lavoro domestico che, senza ansie e senza stravolgimenti, conduca verso lo spreco zero, o almeno quasi zero.
Un po’ di storia che spiega come mai siamo arrivati a questi punti, i suggerimenti su come organizzarsi strategicamente in cucina, e i passaggi fondamentali per consumare tutto quello che acquistiamo o produciamo.

Infine, sì, anche le ricette, buonissime, originali e perfette sia in famiglia che per ricevere gli amici.

Non troverete la solita divisione, dall’antipasto al dolce, ma percorsi diversi: come riciclare gli avanzi, come recuperare gli scarti, l’autoproduzione (molto più semplice e rapida di quanto si possa pensare), e infine le idee per preparare piatti deliziosi partendo da un ingrediente rimasto, solo soletto e in piccola quantità.

Perché il cibo è buono tutto, è buono sempre, e ha sempre la stessa dignità.

Fino al 12 febbraio, il libro è disponibile al prezzo speciale di 2,99 euro. Poi, costerà un pochino di più.

Oggi disponibile per il Kindle
A breve, anche per il Kobo

Buoni propositi per il nuovo anno


 

L’anno nuovo è incominciato già da qualche giorno, ma siamo ancora in tempo per formulare i “buoni propositi”, come da tradizione.

Le possibilità sono tante, perché tanti sono i campi dove possiamo, con successo, donare un po’ di noi.

Il mio consiglio, che vale per tutto, è questo: lasciate perdere impegni troppo sostenuti, cambiamenti di vita esagerati, sforzi impegnativi. Il risultato, salvo che si abbia una volontà di ferro, sarà quello di abbandonare tutto.

Meglio partire con piccoli gesti, qualcosa di leggero che possa entrare dolcemente nella nostra vita, cambiandola sì, ma solo in positivo.

 

E per quanto riguarda il cibo ….

 

COMPRA RESPONSABILMENTE

CUCINA CON CURA

USA MENO CEREALI RAFFINATI E CARNE

ACQUISTA CIBI LOCALI E DI STAGIONE

PREPARA LA QUANTITÀ GIUSTA

RIUSA QUELLO CHE AVANZA