Ricaricare le energie con i colori del cibo


Buongiorno a tutte e a tutti e buona estate!
Quando ho letto questo articolo su Alterego Blog, ho pensato subito che fosse quello giusto per iniziare bene, insieme, la stagione che ci attende.
Che l’energia sia con noi!

Lo sapevi?
I colori del cibo, sono evocativi, per i nostri occhi e anche per il nostro palato
Il colore è in grado di fare stare meglio il nostro stato d’animo; e va da se anche la nostra salute

Sembra incredibile ma è proprio così
Ciò che scatena il colore di un cibo, nel nostro cervello; è l’anticipo dell’assaporare il cibo stesso; il piacere del poterlo mangiare, facendo aumentare salivazione e soddisfazione interiore
I colori (anche quello di cibi) sono i migliori alleati a livello inconscio, ci avevi mai pensato?

Le proprietà organolettiche dei cibi e i loro colori

ROSSO, è il cibo che ci regala energia

I cibi di colore rosso, sono innanzitutto predominanti per le loro proprietà nutritive, rigenerano e combattono i radicali liberi; sono quelli che tengono a bada il colesterolo nel sangue e ci aiutano a prevenire il rischio tumorale
Non poca cosa se pensiamo a quanti cibi di colore rosso amiamo!
Il peperoncino, le fragole, l’anguria, i pomodori, le ciliegie i rapanelli ed i mirtilli rossi; senza dimenticarci della arance sanguinelle

I cibi di colore rosso, ci regalano la sensazione di potenza, di energia pura
Donano fiducia in se stessi e richiamano alla sensualità; del successo e della sicurezza in se stessi
Abbattono la sensazione della depressione, dell’umoralità negativa; mangiamo ROSSOquando abbiamo bisogno di vitalità!

Vuoi concentrazione e relazionarti meglio con il prossimo?
Scegli Cibi colore Giallo e Arancione

Questi colori nei cibi, evocano l’estate, solarità e energia che inducono a  ottimismo e concentrazione
Il Betacarotene è la giusta carica che troviamo nei cibi gialli e arancione

Il colore del cibo arancione; è l’ideale da presentare a tavola, o come spuntino ai bambini, poiché  stimola l’appetito
Inoltre, cosa da non sottovalutare i cibi con colori giallo arancione; contengono elevatevitamine e sostanze nutrienti utili per le ossa, combattono i radicali liberi, e aiutano la tonicità della pelle

Quindi dalle carote, alla zucca, dall’arancia al melone, albicocche e ananas limoni mais percocche mandarini; scatenatevi!

Il cibo verde energizzante per serenità e relax

I cibi di colore verde, sono stimolanti del nostro sistema immunitario, una cosa non da poco oserei dire!
Fonte d’ispirazione che evoca la natura, con tutta la sua flora, è uno sprone al relax e alla distensione spirituale

Quindi via libera a carciofi, asparagi, basilico mentuccia per insaporire insalatone estive, oppure uva piselli, cavoletti di Bruxelles; kiwi, pere peperoni e fagiolini

Ricaricare l’eros e dare una spinta alla fertilità

 

I cibi dai colori neroviola o dalle connotazioni bluastre, anche se potrebbero dare l’impressione d’intristire, sono esattamente all’antipode di questa sensazione

Al contrario rendono viva la sensualità, ispirano l’eros e hanno proprietà naturali utili a combattere infiammazioni, incentivando le capacità d’assorbimento di talune sostante nutritive, ad esempio calcio ed i sali minerali; inoltre hanno una forte connotazione erotica, ispirata alla natura femminile, oltre ad avere come simbolo la fertilità

I cibi di colore viola risultano essere altamente digeribili per l’organismo, la loro assunzione può anche essere serale, non dando senso di pesantezza
Mirtilli, melanzane, prugne, fichi anche olive nere, uva e anche il caffè

Caffè the pepe ecc, sono da considerarsi eccitanti e quindi vanno assunti con una certa attenzione

Il colore bianco, energizzante verso la sensazione di purezza e di equilibrio interiore

I colori del cibo che tendono al bianco, simboleggiano purezza ed equilibrio interiore
Sia il finocchio e ad esempio lo zenzero; aiutano a depurare l’organismo
Anche se poco gradito l’aglio ha lo stesso effetto purificante; inoltre è un regolatore naturale della pressione sanguigna, oltretutto, è un eccellente antibiotico naturale contro le infezioni gastrointestinali ed è in grado di abbassare i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue
Banane e cipolle bianche aiutano il sistema immunitario


La banana inoltre è un meraviglioso energizzante, poiché ha svariati zuccheri naturali e può aiutare contro la depressione
Le proprietà della banana sono anche positive verso il controllo la pressione sanguigna, ma questo frutto si rivela importante anche per contrastare la stitichezza e il bruciore di stomaco.
Sempre la banana è in grado di inibire l’acidità di stomaco e di calmare i nervi

Annunci

Povertà alimentare, nel 2017 2,7 milioni gli italiani senza cibo


Povertà alimentare, nel 2017 2,7 milioni gli italiani senza cibo

Ma nel bidone alimenti per 16 miliardi di euro

ansa antispreco.PNG

 

Buongiorno! Oggi vi lascio questo articolo relativo a un rapporto della Coldiretti, dal quale emerge un contrasto preoccupante: in Italia coesistono persone che non guadagnano abbastanza nemmeno per mangiare, e altre che buttano cibo per l’astronomico valore di oltre 16 miliardi di euro l’anno.

Credo non ci sia altro da aggiungere. Buona lettura.

(ANSA) – Sono 2,7 milioni gli italiani costretti, nel 2017, a chiedere aiuto per mangiare attraverso le mense dei poveri o i pacchi alimentari. E’ quanto emerge dal rapporto Coldiretti sulla povertà alimentare presentato nell’ultima giornata del Villaggio della Coldiretti ai Giardini Reali di Torino. Tra le categorie più deboli si contano 455mila bambini sotto i 15 anni, quasi 200mila anziani sopra i 65 anni e circa 100mila senza fissa dimora.

Secondo un’indagine Coldiretti/Ixè, quasi 3 italiani su 4 (71%) hanno diminuito o annullato gli sprechi alimentari: dal ritorno in cucina degli avanzi ad una maggiore attenzione alla data di scadenza, ma anche la richiesta della family bag al ristorante e la spesa a chilometri zero, dal campo alla tavola, con prodotti più freschi che durano di più. Eppure nel bidone dell’immondizia finiscono ancora oltre 16 miliardi di cibo l’anno: gli sprechi domestici, secondo la Coldiretti, rappresentano in valore ben il 54% del totale e sono superiori a quelli nella ristorazione (21%), nella distribuzione commerciale (15%), nell’agricoltura (8%) e nella trasformazione (2%).

Per aiutare i bisognosi Coldiretti e Campagna Amica lanciano dal Villaggio #stocoicontadini di Torino la ‘spesa sospesa’, a favore della Caritas, che mutuando l’usanza campana del ‘caffè sospeso’ consente di fare la spesa per i più bisognosi. Diversi anche i consigli per ridurre lo spreco, come leggere la scadenza delle etichette e riscoprire le ricette degli avanzi.(ANSA).

Qui l’articolo originale

copertina

 

Giornata Mondiale del Donatore di Sangue


Oggi si celebra in tutto il mondo la Giornata Mondiale del Donatore di Sangue

Vi porto la mia esperienza: sono donatrice da quando ho potuto incominciare a farlo.

Ho sempre donato regolarmente, interrompendo solo per cause di “forza maggiore” (gravidanze e allattamento), modulando la frequenza secondo la mia sensibilità

Dalla donazione di sangue ho avuto solo vantaggi: esami del sangue gratuiti di routine, approfondimenti al bisogno, screening periodici e test specifici relativi a qualche mio disturbo

Se siete già donatori, allora è un piacere trovarci anche qui

Se non lo siete, fateci un pensierino, sono sicura che non ve ne pentirete

Vi lascio il programma per la giornata del Policlinico di Milano, ma vi ricordo che si può donare in ogni ospedale, si può quindi scegliere quello più comodo e più vicino a casa

 

Buona Giornata del Donatore a tutti!

L’orto sul balcone: la rucola


rucola

Ho il privilegio di avere un amico che sa fare tante cose, diverse, tutte bene. Il mio amico si chiama Cristiano, meglio noto come zio Burp. Chi è questo zio? Lui stesso si propone come “copy, musico, blogger, babbo”. Tutto vero, ma non solo. C’è oggi Perepepè, un progetto giocoso dedicato ai bambini, ma piacevolissimo anche per gli adulti, dove si fa musica vera, con musicisti veri, a misura di bimbo che così impara, si appassiona, diventa il protagonista. Ne parlo tanto volentieri perché nel nostro Paese lo studio della musica non è considerato, se non a livello personale, e invece è una disciplina così importante e formativa.
Infine, e solo per gli amici, c’è il magnifico “orto sul balcone” dove Cristiano è maestro: sul suo, di balcone, cresce ormai qualunque prodotto vegetale. Sul mio, grazie ai suoi insegnamenti, è cresciuta per tutto l’inverno un’insalatina che ha completato i miei piatti, e ora sta crescendo una profumatissima rucola. Non posso dire che il mio sia proprio un ORTO, perché sarebbe esagerato, ma senza dubbio, grazie a Crix, ho la soddisfazione di coltivare e consumare qualcosa coltivato da me

Lui 🙂

zio burp

Giornata Mondiale delle Api


World Bee Day

Grazie a Laurin42 che ci informa su questa importante scadenza appena istituita e ci regala questo articolo, interessante e approfondito

(ho volutamente lasciato il testo in originale anche se è passato qualche giorno)

Le api sono fondamentali per la nostra sopravvivenza eppure, a causa dell’impatto umano, rischiano di scomparire.

Da oltre trenta milioni di anni le api svolgono un servizio ecosistemico essenziale aiutando i fiori a espandere il proprio areale e a riprodursi.

Oltre che alla sopravvivenza di molte specie vegetali, questi incredibili insetti sono necessari per la sopravvivenza della nostra specie, contribuendo in maniera decisiva alla sicurezza alimentare globale.

Oltre due terzi delle colture utilizzate per la nutrizione umana sono infatti impollinati dalle api, le quali svolgerebbero inoltre un ruolo attivo nel mantenimento della biodiversità e nel ripristino delle aree prossime alla desertificazione.

Le api, considerate oggi dei super-organismi, potrebbero perfino aiutarci nella comprensione del nostro cervello.

I motivi per proteggere queste piccole e laboriose creature (anche se ovviamente la conservazione della natura dovrebbe prescindere da ragionamenti utilitaristici) sono dunque molteplici.

Per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza delle api e chiedere azioni concrete per la loro tutela, si celebra il 20 maggio la Giornata mondiale delle api.

La giornata è stata istituita dalle Nazioni Unite lo scorso 20 dicembre e si festeggia per la prima volta il 20 Maggio 2018.

La giornata verrà celebrata in oltre 115 nazioni, il merito è però soprattutto della Slovenia, e in particolare della Federazione slovena degli Apicoltori, che ha sollecitato l’Onu per il riconoscimento ufficiale della giornata.

Il governo sloveno è in prima linea nella lotta per la salvaguardia delle api, non a caso è stato il primo, nel 2011, a vietare l’uso di pesticidi sul territorio nazionale. L’apicoltura è un’attività molto radicata nella cultura slovena, si stima che ogni 10mila sloveni 200 abbiano un’attività di apicoltura. La tradizione vuole che ogni apicoltore personalizzi la propria arnia di legno con motivi tipici del folklore sloveno.

La scelta della data in cui si celebra la Giornata mondiale delle api non è casuale.

Mentre nell’emisfero boreale maggio è il mese centrale per l’impollinazione, nell’emisfero australe corrisponde alla produzione del miele e poi della lavorazione dei suoi derivati.

Inoltre uno dei primi pionieri della moderna apicultura, lo sloveno Anton Janša (1734–1773), è nato proprio il 20 Maggio.

Tra i maggiori esperti della sua epoca. Tanto che quando l’imperatrice Maria Teresa fondò la prima scuola di apicoltura lo nominò direttore.

In appena trenta anni, dal 1980 al 2010, la popolazione mondiale di api e vespe si è ridotta del 36 per cento.

Le api sono minacciate soprattutto dai prodotti chimici utilizzati in agricoltura, come pesticidi e insetticidi. In particolare il pericolo principale è rappresentato da una famiglia di insetticidi, i neonicotinoidi che riducono olfatto, memoria e senso dell’orientamento delle api.

Per combattere questo pericolo nel 2013 l’Unione europea ha vietato l’uso di tre pesticidi particolarmente nocivi, ma le misure adottate sono ancora insufficienti. Altri pericoli sono l’indebolimento del loro sistema immunitario, i cambiamenti climatici, la perdita di habitat e l’aumento delle monocolture che determinano mancanza di risorse mellifere.

In occasione della Giornata mondiale sono state organizzate numerose iniziative per approfondire la conoscenza di questi animali.

In Slovenia, che ha perfino coniato una moneta da due euro raffigurante un alveare, sarà possibile partecipare a conferenze, visite guidate e laboratori per grandi e piccini.

Anche in Italia sono stati organizzati numerosi eventi come la degustazione di mieli e attività ludiche e didattiche. Il parco dell’Aveto, in Liguria, ha organizzato una visita all’apiario didattico di Corerallo, mentre all’oasi del Bosco di S. Silvestro di Caserta sono previsti incontri con gli apicoltori, degustazioni e laboratori.

Con l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), la Fao ha anche sviluppato il Codice di condotta internazionale sulla gestione dei pesticidi.

Coldiretti: “Verificare l’origine in etichetta per garantire un futuro alle api italiane” –

Gli effetti del clima, rileva l’associazione agricola, aggravano il già pesante deficit registrato nel 2017 quando la produzione di miele Made in Italy è risultata pari a circa 10 milioni di chili, uno dei risultati peggiori della storia dell’apicoltura moderna.  In media una singola ape, precisa l’associazione, visita circa 7000 fiori al giorno e ci vogliono quattro milioni di visite per produrre un chilogrammo di miele.

In Italia, spiega la Coldiretti, esistono più di 50 varietà di miele e ce ne sono tre a denominazione di origine riconosciuti dall’Unione Europea: il miele della Lunigiana Dop, quello delle Dolomiti Bellunesi Dop e quello Varesino Dop.

Per non cadere nell’inganno dei prodotti stranieri spacciati per nazionali “e garantire un futuro alle api italiane” il consiglio della Coldiretti è di verificare l’origine in etichetta, dove la parola Italia deve essere obbligatoriamente presente se il miele è raccolto interamente sul territorio nazionale. In alternativa ci si può rivolgere direttamente ai produttori.

 

“ Sic vos non vobis mellificatis apes! “ Virgilio